IRIDE-DEMODE E NORTHWAVE, SCATTO FISSO E PEDALARE

09 ottobre 2014

Sabato 11 Ottobre a Milano, il Team fixed gear modenese inseguirà il successo finale del Red Hook Criterium, quasi una Coppa del Mondo per le bici a scatto fisso, con Northwave Extreme Tech Plus

Il coraggio e il sapore della sfida ha sempre caratterizzato i primi 20 anni di storia Northwave, che quest’anno ha ancora una volta abbracciato una nuova frontiera del ciclismo, in costante ascesa e dal potenziale ancora parzialmente inesplorato, il “Fixed Gear”. 

Sabato 11 Ottobre, a Milano (zona Bovisa), i migliori interpreti a livello globale della bici a scatto fisso saranno impegnati nella terza e ultima tappa del Red Hook Criterium, il circuito più prestigioso e ambito dagli atleti di categoria, quasi una Coppa del Mondo dedicata al Fixed Gear. Nello spettacolo della notte milanese, in una cornice di pubblico che si prevede fitta di appassionati e curiosi, Northwave sarà protagonista ai piedi dei due team più importanti a livello nazionale e sempre più affermati su scala globale: Dodici Cicli Squadra Corse e, soprattutto, Iride – Demode SC, che sabato avrà l’opportunità di inseguire il bersaglio grosso con le loro Extreme Tech Plus.

Infatti, dopo le prime due tappe andate in scena a Brooklyn (New York, Stati Uniti) e Barcellona (Spagna), i ragazzi del Team Iride-Demode sono pienamente in corsa sia per il successo nella Classifica a Squadre che nella graduatoria individuale, guidate al momento rispettivamente dal Team Cinelli Chrome e da Thibaud Lhenry.

L’obbiettivo è quello di aggiudicarci la classifica a squadre dove soltanto un punto ci separa dalla vetta”, ha dichiarato Matteo Zazzera, titolare insieme a Walter Carrubba sia del team che del negozio “Iride Fixed” nel centro di Modena, da dove tutto è partito. “E’ un obiettivo certamente più vicino rispetto all’individuale, dove comunque abbiamo due atleti, Mario Paz Duque e Nicholas Varani, al secondo e al quarto posto. In questo tipo di gare i ribaltoni sono sempre dietro l’angolo, anche se Lhenry, rispetto ai nostri atleti, corre da solo, e svincolato quindi da logiche di squadra. Sarà difficile superarlo ma è nostra intenzione provarci fino alla fine”.

Già nel pomeriggio di Sabato, oltre cento rider animeranno le qualifiche e cercheranno di strappare il miglior crono possibile per guadagnarsi l’accesso alla finale, in programma in serata, facendo leva sulla precisione nell’inserimento in curva, fondamentale per primeggiare in questo tipo di competizioni. “In questo tipo di gare, senza l’ausilio dei freni, è importante essere precisi in traiettoria e quindi conoscere perfettamente tutte le insidie del tracciato”, spiega Zazzera. – “Ovviamente per noi questa è la gara di casa e da questo punto di vista partiamo leggermente avvantaggiati perché abbiamo già fatto la ricognizione del percorso”.

Il fenomeno del fixed gear, nato negli Stati Uniti, sta iniziando ad assumere proporzioni interessanti anche in Europa, soprattutto tra i più giovani di età: un mondo colorato, anticonformista, e nel quale il risultato sportivo e il divertimento viaggiano sempre di pari passo. Per Iride, incontrare un marchio come Northwave, da sempre così vicino a questi concetti, è stato quasi naturale.

La nostra disciplina si caratterizza per gare veloci, mai scontate, dove può succedere di tutto, pertanto l’interesse, soprattutto dei giovani, è in costante aumento”, ha concluso Zazzera. – “Quest’anno abbiamo avuto la preziosa opportunità di lavorare con Northwave, che non solo rappresenta una marchio e una realtà consolidata a livello internazionale, ma si è lanciata in questa avventura con grandissimo entusiasmo, trovando proprio nel fixed gear quello spirito originale e anticonformista che da sempre caratterizza questa azienda. Il ciclismo ha tante sfaccettature, e credo che pochi marchi come Northwave siano capaci di affrontarli tutti con grande qualità e un entusiasmo straordinario – e anche per questo siamo così contenti di averli con noi!

Northwave srl - P.iva 01572560991